Pietrarubbia

<p>Il Borgo dei Metalli &#8211; Dotato di un’imponente Castello, Pietrarubbia sorge su una roccia di pietra rossa a picco sulla vallata sottostante. Grazie alla sua posizione strategica, su una delle vie di comunicazione principali all’epoca del Ducato di Urbino, ricoprì il <strong>ruolo di baluardo difensivo.</strong></p> <p>Pietrarubbia fu <strong>teatro di sanguinose battaglie</strong>: dapprima tra le fazioni guelfe e ghibelline all’interno della casata dei Montefeltro e successivamente tra i Montefeltro ed i Malatesta che si contesero per lungo tempo il dominio.</p> <p>Verso la metà del 1400 Federico da Montefeltro riuscì a primeggiare sulla casata riminese conquistando definitivamente tutti i castelli, tra cui Pietrarubbia, che entrarono a far parte del Ducato di Urbino. </p> <p><strong>Il Castello di Pietrarubbia fu oggetto di ristrutturazione, inserendosi in un ampio piano di riorganizzazione di tutte le fortificazioni del Montefeltro, curato dal famoso architetto Francesco di Giorgio Martini.</strong></p> <h3 class="wp-block-heading">Il declino e la rinascita del Borgo</h3> <p>I secoli successivi portarono Pietrarubbia verso una fase di declino e progressivo abbandono. Infatti in periodo di pace l&#8217;importante funzione difensiva del Castello era divenuta superflua. </p> <p>Come avvenne per la gran parte dei castelli, gli abitanti si spostarono gradualmente verso valle, più adatta ad un&#8217;economia commerciale per lo scambio di merci e bestiame. </p> <p>L’antico borgo si spopolò completamente negli anni &#8217;60 andando incontro ad una fase di ulteriore declino. </p> <p>Grazie all’intervento del celebre <strong>scultore Arnaldo Pomodoro</strong>, negli anni &#8217;90 Pietrarubbia ritrovò parte del suo splendore. Lo scultore fondò il <strong><a href="https://www.visitmontefeltro.it/pietrarubbia-e-larte-dei-metalli/">T.A.M.</a>, una scuola dedicata al trattamento dei metalli</strong>, situata proprio del nucleo storico del borgo, coinvolgendo artigiani, artisti e docenti di fama internazionale e studenti.</p> <p>Ad oggi il borgo si presenta completamente ristrutturato e, pur non essendo abitato stabilmente, è frequentato dai tanti curiosi attratti da questo <strong>museo a cielo aperto.</strong></p> <h3 class="wp-block-heading">Il Torrione di Pietrafagnana</h3> <p>A pochi chilometri di distanza si trova l&#8217;affascinante conglomerato roccioso di <a href="https://www.visitmontefeltro.it/localita/torrione-di-pietrafagnana/">Pietrafagnana</a>, detto anche Dito del Diavolo o del Gigante. Il suo bizzarro aspetto, che ricorda un&#8217;enorme mano che fuoriesce dal sottosuolo con l&#8217;indice puntato verso l’alto, lo ha reso protagonista di numerose storie e leggende.</p> <h3 class="wp-block-heading">La Chiesa di Sant&#8217;Arduino</h3> <p>Altro luogo di grande interesse è poi il complesso di Sant’Arduino, comprendente una chiesa, oggi sconsacrata, carica di storia (risale al periodo romanico), un campanile ed alcuni edifici in stato di abbandono. </p> <p>Il fascino del sito è dato soprattutto dalla particolare posizione. <strong>Sant&#8217;Arduino, arroccato su uno sperone di roccia panoramico, è posto proprio di fronte al Castello di Pietrarubbia. </strong></p> <p><br></p>

Meteo Pietrarubbia

Mar

7.59°C

Mer

6.42°C

Gio

9.99°C

  • Palazzo Gentilizio (Centro T.A.M.)
  • Palazzo del Vicario
  • Chiesa di San Silvestro
  • Sole bronzeo di Arnaldo Pomodoro
  • Torre Campanaria
  • Chiesa di Sant’Arduino
  • Torrione di Pietrafagnana
  • Festa della Falciatura
Travelers' Map is loading...
If you see this after your page is loaded completely, leafletJS files are missing.

Da non perdere

Info e servizi

Montefeltro social

Montefeltro c'é

Unisciti al Montefeltro

Entra nella terra del Montefeltro. Lasciati ammaliare dalle bellezze della natura e dal verde delle sue colline in un viaggio a 360 gradi tra cultura, arte, cibo e tradizioni.

[lrm_form default_tab="login" logged_in_message="You have been already logged in!"]
Non perderti le novità del Montefeltro, iscriviti alla Newsletter!
Non perderti le novità del Montefeltro, iscriviti alla Newsletter!